Galleria Claudia

Un coup de foudre

Un tuffo al cuore, come il palpitare delle ali di una farfalla, che risveglia dalla svogliatezza del momento. Un intreccio di colori, apparentemente di un solo colore, che talvolta lascia il dubbio nello sguardo di chi osserva. Tutto nasce dall’emozione di un attimo che l’autrice, Claudia Passaglia, ha l’urgenza di bloccare sulla tela per prolungarne la vita: è solamente un ‘idea, un concetto, un’apparenza che è, e allo stesso tempo non è più.

   La realtà delle “ballerine” è memorizzata e trasfigurata, ora ricercata a lungo e tormentata, ora scaturita quasi spontaneamente da un segno liberatorio.

   La determinazione di raggiungere un equilibrio formale e tonale è finalizzata all’espressione di quel sentimento di armonia e pienezza che scaturisce dall’abbandonarsi al flusso vitale della danza, fusione di luce, musica e movimenti.

   Nello spazio limitato della tela può essere possibile arpionare il tempo, l’emozione, il pulsare della vita, l’attimo. L’apparenza che è la danza, il movimento, diventa apparizione, contemplabile.

   Nei quadri “rossi e blu” delle ballerine l’oggetto sembra quasi perdersi nella densità del colore, come fosse secondario rispetto all’irrompere dell’informale sul razionale. Ciò che conta, per l’autrice, è il desiderio di …fermate il tempo.

   E con esso la morte: la contemplazione diventa infinita, la fusione con il colore uno strumento.

(C Nuvoletti Belli)

 

www.claudiapassaglia.it